arrow--linkarrow-calendar--leftarrow-calendar--rightattachmentcalendar-eventclock--outlineclockclose_modal_windowcloud_uploaddeadlinedownloademail--shareemailfacebookfaxgoogle-plus--framegoogle-plusinstagramlink--externallinklocationlogo-confcommercio--fidilogo-confcommercio--venezialogo-confcommerciomarker--offmarkerphonepinterestsearch--whitesearchteacherstwitterverifiedyoutube

Mansuè

Sindaco : Leonio Milan
Via Roma, 18 31040
tel. 0422/204911    Fax 0422/741218
mansue@tin.it

orario al pubblico:
tutti i giorni 09.30 - 13.00
merc. 17.00 - 18.30

Il paese si affaccia a un mare d’erba di suggestiva bellezza, chiamato pra’ dei gai (dal latino gaium, localita’ selvosa), estesi prati di sfogo della Livenza, da cui si ottengono fieni che profumano di latte dei pregiati formaggi locali. In mezzo ai prati il costelir, motto di rilevazione arcaica, che in allineamento con una simile, indica il sorgere del sole al solstizio d’inverno. Altra risorsa naturale il bosco di Basalghelle, brandello dell’antica foresta di pianura. In questa frazione e’ la villa dove visse la delicata poetessa Vittoria Aganoor Pompili, ospitando altri letterati dell’Ottocento, tra cui Giacomo Zanella. A Mansue’ nacque, nel 1808 , Francesco Dall’Ongaro, patriota e uomo di penna, autore di poesie e drammi tra i quali e’ noto "Il Fornaretto di Venezia". In localita’ Fossabiuba nel 1886 nacque Geremia Lunardelli. Uno dei moltissimi emigrati veneti in Brasile, dove fece fortuna diventando, intorno al 1930, il re del caffe’ , con enormi proprieta’ e ricchezze.

Top