arrow--linkarrow-calendar--leftarrow-calendar--rightattachmentcalendar-eventclock--outlineclockclose_modal_windowcloud_uploaddeadlinedownloademail--shareemailfacebookfaxgoogle-plus--framegoogle-plusinstagramlink--externallinklocationlogo-confcommercio--fidilogo-confcommercio--venezialogo-confcommerciomarker--offmarkerphonepinterestsearch--whitesearchteacherstwitterverifiedyoutube

Motta di Livenza

Sindaco : Paolo Speranzon 

Piazza Luzzati, 1 31045 
tel. 0422/7614    Fax 0422/861409 
comune@mottadilivenza.net 

orario al pubblico:
tutti i giorni 9.00 - 12.30 (sabato chiuso) 
mar. e giov. 16.00 - 17.30

 

Citta’ pugnace, sempre capace di rinascere. Devastata dalla grande alluvione del 1966, e’ ora una delle prospere capitali del "modello veneto" di sviluppo, basato sull’imprenditoria diffusa. Motta nasce per resistere. Perno della sua storia e’ infatti il Castello levato in eta’ feudale alla confluenza del Monticano nella Livenza, per governare l’importante via d’acqua che si inoltra fino al piede della montagna. La citta’ si lega tra le prime in terraferma alla Serenissima Repubblica di Venezia, in via definitiva a partire dal 1388. Conferma la sua fedelta’ al governo dogale, fronteggiando Ungheri e Turchi, giunti fino in riva sinistra del fiume , nel ‘400. Negli anni 1509 e 1511 sostiene gli assedi della lega di Cambrai, decisa a liquidare il Veneto Stato. Riceve a titolo d’onore, il fregio di " Figlia prediletta della Repubblica". Il Cinquecento celebra a Motta i suoi fasti, abbellendo la citta’ di logge pubbliche e di palazzi signorili. Ancora oggi bordano il magnifico viale che conduce dal celebre Santuario della Madonna dei Miracoli alla piazza, guardata dal leone di San Marco. Altri splendidi edifici cinquecenteschi si specchiano sulle acque tranquille del canale in Riviera, impreziosendo la sua urbanita’. L’antica devozione dei luoghi e’ testimoniata dalla chiesa paleocristiana di San Giovanni, ricca di reperti storici e artistici. Il bel duomo seicentesco di San Nicolo’, piccolo Pantheon cittadino, custodisce memorie di figli illustri. Tra questi il cardinale Gerolamo Aleandro, che ebbe cattedra nell’Universita’ di Parigi, divenendone Rettore nel 1513. 
Nel 1752 vi nacque Antonio Scarpa, che resse la scuola di anatomia nell’ateneo pavese. Anton Andrea Luca Lucchesi, nato a Motta nel 1741, compositore, fu maestro di cappella a Bonn, dove divenne precettore di Ludwig Van Beethoven.

Top