arrow--linkarrow-calendar--leftarrow-calendar--rightattachmentcalendar-eventclock--outlineclockclose_modal_windowcloud_uploaddeadlinedownloademail--shareemailfacebookfaxgoogle-plus--framegoogle-plusinstagramlink--externallinklocationlogo-confcommercio--fidilogo-confcommercio--venezialogo-confcommerciomarker--offmarkerphonepinterestsearch--whitesearchteacherstwitterverifiedyoutube
Comunicazione

SeacInfo

SeacInfo

19/7/2019 - Slitta al 1° gennaio 2020 il termine entro il quale adeguarsi alle regole tecniche sull'antiriciclaggio

SeacInfo Fiscale
Slitta al 1° gennaio 2020 il termine entro il quale adeguarsi alle regole tecniche sull'antiriciclaggio
Il Consiglio Nazionale Dottori Commercialisti con l'informativa n. 68/2019 ha prorogato dal 23 luglio 2019 al 1° gennaio 2020 il termine entro il quale i Dottori Commercialisti devono adeguarsi alle nuove Regole Tecniche emanate in materia di antiriciclaggio.Si ricorda che le regole tecniche, rivolte agli iscritti all'Albo dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili, hanno ad oggetto i seguenti obblighi:valutazione del rischio (artt. 15-16, D.Lgs. n. 231/2007);adeguata verifica della clientela (artt. 17-30, D.Lgs. n. 231/2007);conservazione dei documenti, dei dati e delle informazioni (artt. 31, 32 e 34, D.Lgs. n. 231/2007).Il Consiglio Nazionale, infatti, ha ritenuto non più congrua la scadenza originariamente fissata al 23 luglio, precisando che 'tale termine era stato individuato al fine di prevedere un adeguato periodo transitorio di sei mesi che agevolasse gli iscritti, anche attraverso la diffusione di strumenti operativi di ausilio, in particolare le Linee Guida in materia, nonché specifica formazione in modalità e-learning, nell'apprendimento e nella corretta applicazione delle suddette Regole tecniche'.

19/7/2019 - Indeducibili i contributi versati dagli eredi sulla base di un avviso di accertamento: Interpello

SeacInfo Fiscale
Indeducibili i contributi versati dagli eredi sulla base di un avviso di accertamento: Interpello
Con Risposta 18 luglio 2019, n. 267, l'Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alla possibilità per gli eredi di dedurre i contributi previdenziali che gli stessi hanno versato, a seguito di successione ereditaria, per estinguere il debito contributivo del 'de cuius'.In particolare, l'Agenzia ha chiarito che tale possibilità è esclusa in quanto il versamento, in qualità di erede, dei contributi previdenziali obbligatori per legge relativi al genitore defunto:non è avvenuto volontariamente ma solo a seguito di adesione all'atto di recupero coattivo emesso dal competente Ufficio finanziario;non è preordinato al conseguimento di una controprestazione di natura previdenziale in favore degli eredi.

19/7/2019 - Legittima la riduzione del personale per aumentare la produttività anche se l'azienda non è in crisi

SeacInfo Amministrazione del personale
Legittima la riduzione del personale per aumentare la produttività anche se l'azienda non è in crisi
L'impresa può licenziare un lavoratore al fine di aumentare l'utile, qualora la soppressione di tale posizione lavorativa sia effettivamente dovuta ad un reale riassetto aziendale.È quanto ha statuito la Corte di Cassazione nell'Ordinanza n. 19302 del 18 luglio 2019, secondo la quale non è necessario che la società sia in crisi per integrare il giustificato motivo oggettivo e non ha alcun rilievo che ad altri colleghi sia stato convertito il lavoro full time in part time. I giudici hanno precisato che è inammissibile il sindacato del giudice sulle scelte di gestione dell'impresa, le quali sono esclusivamente riservate all'imprenditore.

19/7/2019 - Inapplicabilità della sanzione conservativa in presenza di precedenti disciplinari

SeacInfo Amministrazione del personale
Inapplicabilità della sanzione conservativa in presenza di precedenti disciplinari
La Corte di Cassazione ha statuito che l'interruzione del servizio di vigilanza senza autorizzazione può condurre al licenziamento in presenza di precedenti disciplinari idonei a ledere il rapporto fiduciario.Con l'Ordinanza n. 19305 del 18 luglio 2019, nel respingere il ricorso di una guardia giurata, la Corte ha ritenuto che è insindacabile la valutazione del giudice di merito riguardo all'inapplicabilità, in ragione dei precedenti disciplinari, della norma contrattuale che prevedeva una sanzione conservativa nel caso di grave negligenza nell'esecuzione del lavoro.

Top